Luci e ombre da una vita che è sogno. Su “L’oratorio della peste” di Raffaele Gorgoni