Stregati dal caos



Un pensiero mi è nato dopo avere letto entrambi gli articoli comparsi su Tuttolibri e riguardanti i “Canti del caos” di Antonio Moresco. Mi riferisco all’articolo di Renato Barilli e a quello di Dario Voltolini. Il primo articolo, per quanto comunichi lo sfioramento del capolavoro da parte di Moresco, propone delle filiazioni/ascendenze di Moresco, debiti nei confronti di scrittori, come ad esempio Stefano Benni. Una visione “da lontano” dei “Canti del caos” può provocare tale effetto, come dire, mi è sembrato di vedele un gatto. Il secondo articolo, quello di Voltolini, suggerisce una lettura più approfondita di quella fatta da Barilli, il messaggio è: c’è molto di più in questo libro. Il fatto è che per alcuni lettori, appassionati o no di Moresco, la sua opera è un’opera geniale, l’opera di un Maestro. Per gli altri è un libro e nient’altro. Questioni di passione o ideologia. Sul fronte opposto c’è chi sostiene che i “Canti del caos” sia immondizia editoriale, è Giuseppe Iannozzi. Credo che il dibattito che potrebbe scaturire potrebbe giovare alquanto. Certo più del dibattito deprimente su chi deve prendere lo Strega quest’anno, e chi lo merita (Daniele Del Giudice?, Antonio Scurati?), ed è inflazionato, e però lo Strega è sempre lo Strega eccetera eccetera eccetera. E se lo Stregatto quest’anno venisse assegnato ai “Canti del caos” di Antonio Moresco?

About these ads

2 thoughts on “Stregati dal caos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...