Post della domenica. “Col bene che ti voglio” (2008) ripubblicazione


Da sette settimane circa, sul portale Scribd.com, sto ripubblicando episodio dopo episodio il mio secondo romanzo, “Col bene che ti voglio“. Il romanzo è stato pubblicato a puntate nel 2008 sul quotidiano “Il Paese Nuovo” (dall’8 maggio 2008 al 12 giugno 2008). Per una serie di motivi e coincidenze la pubblicazione si arrestò al sesto episodio, il che vuol dire che dal settimo episodio online il romanzo è edito, per la prima volta, in rete.

L’indirizzo per leggere tutti gli episodi è questo 
http://www.scribd.com/my_document_collections/2964163
.

Fino a oggi, la somma dei download per i primi 7 capitoli è stata di 862 scaricamenti.

Ogni sabato farò l’upload di un episodio, fino a completare l’upload dei 16 episodi.

Questo è il link del post da cui, l’8 maggio 2008, segnalavo l’inizio della pubblicazione di “Col bene che ti voglio” http://lucianopagano.wordpress.com/2008/05/08/col-bene-che-ti-voglio-da-oggi-in-edicola/

Ecco la trama del romanzo.

“Col bene che ti voglio” (2008) – Luciano Pagano

4 Luglio 1998. Andrea vive a Lecce, frequenta la facoltà di Filosofia. Prossimo alla laurea, trascorre le sue giornate oziando nell’abulia, dimentico del fatto che deve terminare la stesura della sua tesi. Il giovane divide il suo appartamento con M., il suo amico che è partito da due giorni per trascorrere le vacanze in India, lasciando Andrea solo nell’appartamento, con la mansione di innaffiare le piante. Andrea una mattina riceve una visita, si tratta di Marina, un’amica del suo coinquilino che credeva di trovarlo in casa. Marina è una ragazza attraente, spigliata, disinibita, risponde all’identikit delle amiche di M., in parole povere è il tipo di ragazza con cui Andrea non ha mai legato. Sempre quel sabato mattina fa irruzione nell’appartamento Pesaro, l’ex-marito di Marina. Pesaro ha pedinato la donna, è furioso, quando entra in casa e vede la sua ex insieme a Andrea, viene preso dalla furia, fracassa lo stereo con un pugno e viene cacciato da Marina appena prima che possa fare altri danni. Marina resta a pranzo con Andrea, che resta affascinato dalla donna. La sera stessa Andrea andrà a Torre Sant’Andrea dove c’è un concerto, per cercare sollievo dal caldo opprimente e per trascorrere un sabato sera assieme agli amici. Nella pizzeria del locale incontrerà nuovamente Marina, una felice coincidenza. Andrea trascorrerà la serata insieme alla ragazza, si ubriacherà a tal punto da sentirsi male. Marina lo accompagnerà a casa in auto, trascorrendo la notte insieme a lui, i due faranno l’amore. Al mattino dopo Andrea si sveglierà nel letto da solo, nel pomeriggio camminerà senza meta nella città, indeciso se chiamare o meno Marina al telefono. Quando arriverà a casa troverà la ragazza ad attenderlo nel suo appartamento, Marina possedeva le chiavi, lasciatele da M. I due fanno nuovamente l’amore. Andrea vorrebbe restare con la ragazza che tuttavia deve tornare a casa, c’è qualcosa che la preoccupa, Andrea non le chiede nulla perché non vuole sembrare invadente, intuisce che il problema, se c’è, è dovuto al rapporto con il suo ex-marito, Pesaro.

Al mattino dopo Andrea si alza presto e decide di andare al mare, entra in un bar per fare colazione e apprende sfogliando un giornale che Marina è stata trovata morta, probabilmente uccisa, in casa sua. Da quel momento i giorni di Andrea cambiano. Tanto per cominciare fa ingresso nella sua vita la strana figura del Commissario Tini, un personaggio che non va tanto per il sottile e che lo attende al suo ritorno a casa per condurlo in Questura e interrogarlo. Ma non è tutto, a quanto pare dietro la morte di Marina c’è molto di più, Andrea scopre infatti che Marina è figlia dell’Onorevole Pilieri, un parlamentare e allo stesso tempo il proprietario a Lecce di una grossa ditta di costruzioni, che sta per candidarsi come Sindaco della città. Andrea sarà costretto suo malgrado a scoprire i segreti di Marina, grazie all’aiuto del Commissario Tini, che intende sfruttare quei due giorni che il ragazzo ha trascorso con Marina per mettere in trappola Pesaro, indiziato da subito per l’omicidio della ragazza. Tuttavia le cose non sono come sembrano, dietro l’omicidio di Marina c’è molto di più, Andrea, Pesaro e lo stesso Commissario Tini si riveleranno pedine di un gioco più grande.

Questo è l’elenco dei pezzi che compongono la colonna sonora del romanzo:

Luglio, Riccardo Del Turco, 1968
Pink Floyd, I wish you were here (live)
Radiohead, Paranoid Android
Bob Marley, One love
The Police – Every breathe you take
Beautiful (soap) – Main track
Rolling Stones – Paint it black
Depeche Mode – It’s not good

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: