“Cani acerbi” di Gianluca Conte – Smartlit 02


“CANI ACERBI” – GIANLUCA CONTE
musicaos:ed, smartlit 02

“Il linguaggio apparentemente semplice del contadino, colorato da espressioni dialettali, lascia trapelare la capacità dello scrittore di mescolare le parole per creare un corpo fluido, di interpretare tanto la parte del giornalista, anch’egli figura di spicco del libro, quanto quella dell’agricoltore. Conte gioca con le parti, si immedesima nei suoi personaggi e tira fuori dalle loro bocche parole di disgusto di fronte alle ingiustizie, di coraggio e voglia di migliorare. Nelle pagine del libro, le due anime dei protagonisti, tra eroismo e paura vengono disegnate con tratti assurdi dai colori vivaci e forti di chi vive. Come in una visione hitchcockiana, il mondo di Conte viene travolto da un mistero, i cani attaccano inspiegabilmente, la terra soccombe per un momento sotto la potenza della natura, l’uomo è costretto a piangere i suoi morti. Un’apocalisse momentanea che si riflette nel temperamento del libro.”
Laura Mangialardo, Il Fatto Quotidiano

“Frequenti scosse di «cattiveria» che conferiscono energia espressiva”
Maurizio Cucchi, TuttoLibri – La Stampa

COVER Gianluca Conte CANI ACERBI musicaos_ed - smartlit 2

CANI ACERBI, primo romanzo scritto da Gianluca Conte, racconta le vicende di Riccardo, inviato precario di un giornale locale, e Alessio Delmale, contadino km0 e aiutante fidato dell’amico giornalista.
Nella noiosa routine di un Salento invernale, costellato di discariche abusive di eternit, dove il calore estivo è un ricordo sbiadito, basta poco perché si apra uno squarcio sopra un mondo che specula dove può, dal dissesto idrogeologico all’immondizia, dalla prostituzione alla corruzione politica.
Sembra filare tutto liscio, finché una sera, ai due, non viene riservata una sorpresa. Quale mistero si cela dietro i cerchi di fuoco che fanno la loro comparsa nelle campagne di Scorcia? Cosa si nasconde dietro l’improvvisa ferocia dei Cani?

GIANLUCA CONTE è nato a Galugnano, in Salento, nel 1972. Laureato in filosofia, è poeta, scrittore, operatore culturale. Con il Centro Studi Tindari Patti ha pubblicato la silloge “Il riflesso dei numeri” (2010), finalista al concorso nazionale “Andrea Vajola”. Con Il Filo Editore, ha pubblicato “Insidie” (2008). La sua terza raccolta, intitolata “Danza di nervi” (Lupo Editore, 2012), ha vinto il Premio PugliaLibre 2012 nella sezione ‘raccolta lirica’.

Il blog di Gianluca Conte, “Linea Carsica” è qui: http://glucaconte.blogspot.it/

LA COPERTINA
Mirna Maric e Martina Maric, sorelle rispettivamente di 19 e 21 anni, sono due giovani fotografe croate.
La loro pagina ufficiale è qui:

http://www.facebook.com/MaricSistersPhotography

CANI ACERBI, Gianluca Conte,
musicaos:ed, collana smartlit, 02, pp. 160, ISBN 978-1494731038
versione cartacea €14,00, ebook €5,99

leggi/scarica un estratto in formato pdf
CANI ACERBI – Gianluca Conte – estratto

copertina

info:
info@musicaos.it
http://www.musicaos.it

rassegna
http://www.scribd.com/collections/4370081/musicaos-ed

L’inizio di CANI ACERBI, di Gianluca Conte

Appaiono come spettri alla controra, nere come gomme d’automobile. Appena fuori dal paese la strada per Lu Gurgu, una contrada di case sparse e fondi coltivati, me le stampa sugli occhi ogni cazzo di giorno. Le trovo sempre lì, sotto pittoreschi ombrelloni. Le puttane dei campi. Nigeriane toccasana. Passatempo preferito dei contadini della zona, che tra un colpo di sarchia e una rastrellata, vanno a inzuppare il biscotto.

A Fiumenero hanno catramato un parcheggio apposta, anche se nessuno lo dice apertamente che è stato fatto per le zoccole. La contrada Fiumenero è una non-contrada sulla Statale Debosciata, come la chiamano qua a Scorcia. Si trova nel bel mezzo di due grandi arterie fuori dai centri abitati. Non c’è un cazzo di niente là. Non c’è una fabbrica, un’azienda, un ferrovecchio. Neanche un bar. Niente di niente. Chilometri di nulla. E allora che ci va a fare tanta gente? Anche un idiota capirebbe come stanno le cose. E allora perché le lasciano lì le zoccole? Perché nessuno va a cacciarle? Il Bel Paese. Certo. Tutti a sparare a zero sulle puttane. Tutti che però ci vanno.

Le puttane di Fiumenero sono un tantino più chic rispetto a quelle che battono sulla strada per Lu Gurgu. Da loro non ci vanno gli sfigati di passaggio con le utilitarie scassate. Ci vanno quelli coi macchinoni. Uomini d’affari con il SUV e il Tudor al braccio. Ci vanno pure avvocatoni puliti e ingelatinati con tanto di Visa. Lo so perché li vedo con che macchine arrivano. E poi me l’hanno detto pure al patronato. E quelli sanno tutto. Sanno pure quanti peli uno c’ha in culo. Uomini di lusso, dicono, mica sporchi contadinacci. Mi sono chiesto tante volte perché tipi così pieni di soldi andassero dalle donnacce di strada e non dalle zoccole d’alto bordo. E tutte le volte che me lo sono chiesto ad alta voce, al patronato m’hanno detto – fatti i cazzi tuoi! E allora io chiedevo a quelli del patronato perché mi mettevano al corrente di certe cose se poi non ne potevo parlare ad alta voce. E quelli mi rispondevano – perché certe cose le devi sapere. Ma le devi tenere per te. Perché sapere certe cose ti può tornare utile quando sei con le spalle al muro.
Io ancora oggi me lo chiedo, seppure in silenzio. Non mi so spiegare perché quei ricconi vanno a cercare sesso in mezzo a una strada. Sono due mondi talmente diversi, quello delle nigeriane e quello dei ricconi, che proprio non mi ci faccio capace. Ma c’è una costante: la vendita. Costante universale. E a niente valgono le mie menate morali.
– Qui non ci sono cenerentole. Qui non aspettano nessun principe che le salvi con baci miracolosi. È un lavoro come un altro. Il tempo si vende. Il corpo si vende. Ci sono infiniti modi di prostituirsi, quello è solo uno dei tanti. E buonanotte al secchio – così la pensa Riccardo. Il migliore amico mio.

Ah, io sono Alessio Delmale. E faccio il contadino in un fondo a due passi dalle zoccole. Attenzione: ho detto con-ta-di-no non bracciante. Io sono proprietario della mia terra. Possiedo dieci ettari belli belli. Tutti piantati. E in paese tutti sanno come stanno le cose. Sanno che io i soldi ce li ho. Ce ne ho più del dottore medico di ‘sta minchia. E sono pure uno di cultura. Anche se al patronato se lo dimenticano e chiamano sporchi contadinacci tutti quelli che lavorano la terra. Poi però se ne ricordano che io sono diverso da tutti i falliti che circolano a Scorcia. Se ne ricordano e fanno ammenda. Perché io c’ho i soldi e mi vogliono tenere buono.

CANI ACERBI – GIANLUCA CONTE

libro
http://www.amazon.it/Cani-Acerbi-Gianluca-Conte/dp/1494731037/ref=tmm_pap_title_0?ie=UTF8&qid=1390818104&sr=8-1

ebook
http://www.amazon.it/Cani-Acerbi-Gianluca-Conte-smartlit-ebook/dp/B00HYIRNUG/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1390818174&sr=1-1&keywords=cani+acerbi

Rassegna stampa

Laura Mangialardo – Il Fatto Quotidiano

Luca Benvenga – Mangialibri

Maria Caterina Prezioso – Satisfiction

Vito Antonio Conte – SPagine

Rossella Tarquinio – Paese7.it, intervista a Gianluca Conte

Maria Vittoria Masserotti – Signora dei Filtri

Gabriele De Blasi / Radio Popolare Salento – Popolare Network

Marianna Burlando