20 Marzo 2016 – Lecce – Fondo Verri _ “Porzia e le altre”, reading di/con Elisabetta Liguori


18 Marzo 2016 – Lecce – Libreria Mondadori, presentazione di “Beati i puri”


Beati-i-puri-Luciano-Pagano-Musicaos-Editore-sVenerdì 18 Marzo 2016 – Ore 18.30
LIBRERIA MONDADORI
(LECCE – Piazza Sant’Oronzo)

Presentazione di “Beati i puri” (Musicaos Editore)
di Luciano Pagano

Dialoga

Gianluca Conte (Scrittore)

Venerdì 18 Marzo 2016, alle ore 18.30, presso la Libreria Mondadori di Lecce (Piazza Sant’Oronzo) si terrà la presentazione del nuovo romanzo di Luciano Pagano, “Beati i puri”, edito nella collana Narrativa, di Musicaos Editore.

Lo scrittore Gianluca Conte dialogherà con l’autore.

Luciano Pagano è autore di due romanzi, “Re Kappa” (2007, Besa Editrice) e “È tutto normale” (2010, Lupo Editore).

“Beati i puri”, ambientato tra Lecce e Roma, racconta la storia di Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la “PPP”. Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Fin dove può spingersi l’amore di un fratello per una sorella, e quello di una madre per i propri figli? Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

“Beati I puri” è il terzo romanzo scritto da Luciano Pagano. Nel 2010, nel suo romanzo “È tutto normale”, l’autore aveva raccontato la storia di una coppia di uomini che crescevano un figlio, tra gli anni settanta e i giorni nostri, con uno sguardo inedito sulla tematica delle unioni civili e dell’adozione di figli da parte di genitori dello stesso sesso. In questo romanzo si torna a parlare di famiglia, e del fortissimo legame che c’è tra i suoi componenti, in un intreccio che travalica lo spazio e il tempo, il sogno e la realtà, riportando alla luce drammi sopiti, “mischiando memoria e desiderio”, crescita, ambizione, violenza, sullo sfondo del mondo del teatro e del cinema, nel quale si muovono le aspirazioni di Andrea e Maria.

LucianoPagano-Foto-di-Giancarlo-GrecoLuciano Pagano è nato nel 1975 a Novara, dove ha vissuto con la sua famiglia fino al 1989, anno in cui si è trasferito nel Salento, dove vive attualmente. Ha pubblicato due romanzi, “Re Kappa” (2007, Besa Editrice), “È tutto normale” (2010, Lupo Editore). È stato tra i vincitori, nel 2008, del premio Subway Letteratura e del premio Creative Commons in Noir, indetto da Stampa Alternativa. Dal 2004 dirige il sito Musicaos.it, e, dall’inizio del 2015, la casa editrice Musicaos Editore.

Musicaos Editore. La casa editrice ha pubblicato, dal 2015 a oggi, 40 titoli. Le opere di Musicaos Editore sono distribuite in tutte le librerie, sul territorio nazionale, e in tutti gli store digitali, in formato cartaceo e ebook. Catalogo: http://www.musicaos.org/catalogo

Già nel 2008 lo scrittore Giuseppe Genna ha definito Musicaos.it come “Uno degli snodi fondamentali della blogosfera letteraria che ha retto al crollo della medesima”. La rivista online diretta fin dal gennaio 2004 da Luciano Pagano è stata ospite nel volume “Best Off” (il meglio delle riviste di letteratura online curato da Mario Desiati) dell’editore Minimum Fax, nel 2007. Di recente il poeta e critico Enzo Mansueto, sulle colonne del Corriere del Mezzogiorno, ha definito Musicaos come “una delle esperienze culturali online più significative dell’ultima stagione della letteratura pugliese”.

Foto: Giancarlo Greco

In copertina: “Girl with dove”, Margarita Nizharadze
Progetto grafico Bookground

Ingresso Libero

12 Marzo 2016 – Alessano – Libreria IDRUSA – Presentazione di “Beati i puri”, Luciano Pagano, con Michela Santoro e Tiziana Cazzato


Beati-i-puri-Luciano-Pagano-Musicaos-Editore-sSabato 12 Marzo 2016 – Ore 19.00 – LIBRERIA IDRUSA
(Alessano – Via Carlo Sangiovanni, 20)

Presentazione di “Beati i puri” (Musicaos Editore) di Luciano Pagano

Dialogano con l’autore

Michela Santoro (Libreria Idrusa)
Tiziana Cazzato (Scrittrice)

Sabato 12 Marzo 2016, alle ore 19.00, presso la Libreria Idrusa di Alessano (Via Carlo Sangiovanni, 20) si terrà la presentazione del nuovo romanzo di Luciano Pagano, “Beati i puri”, edito nella collana Narrativa, di Musicaos Editore. Michela Santoro, di Libreria Idrusa, insieme alla scrittrice Tiziana Cazzato, dialogheranno con l’autore. Luciano Pagano è autore di due romanzi, “Re Kappa” (2007, Besa Editrice) e “È tutto normale” (2010, Lupo Editore).

“Beati i puri”, ambientato tra Lecce e Roma, racconta la storia di Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la “PPP”. Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Fin dove può spingersi l’amore di un fratello per una sorella, e quello di una madre per i propri figli? Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

“Beati i puri” è il terzo romanzo scritto da Luciano Pagano. Nel 2010, nel suo romanzo “È tutto normale”, l’autore aveva raccontato la storia di una coppia di uomini che crescevano un figlio, tra gli anni settanta e i giorni nostri, con uno sguardo inedito sulla tematica delle unioni civili e dell’adozione di figli da parte di genitori dello stesso sesso. In questo romanzo si torna a parlare di famiglia, e del fortissimo legame che c’è tra i suoi componenti, in un intreccio che travalica lo spazio e il tempo, il sogno e la realtà, riportando alla luce drammi sopiti, “mischiando memoria e desiderio”, crescita, ambizione, violenza, sullo sfondo del mondo del teatro e del cinema, nel quale si muovono le aspirazioni di Andrea e Maria.

LucianoPagano-Foto-di-Giancarlo-GrecoLuciano Pagano è nato nel 1975 a Novara, dove ha vissuto con la sua famiglia fino al 1989, anno in cui si è trasferito nel Salento, dove vive attualmente. Ha pubblicato due romanzi, “Re Kappa” (2007, Besa Editrice), “È tutto normale” (2010, Lupo Editore). È stato tra i vincitori, nel 2008, del premio Subway Letteratura e del premio Creative Commons in Noir, indetto da Stampa Alternativa. Dal 2004 dirige il sito Musicaos.it, e, dall’inizio del 2015, la casa editrice Musicaos Editore.

Musicaos Editore. La casa editrice ha pubblicato, dal 2015 a oggi, 40 titoli. Le opere di Musicaos Editore sono distribuite in tutte le librerie, sul territorio nazionale, e in tutti gli store digitali, in formato cartaceo e ebook. Catalogo: http://www.musicaos.org/catalogo

Già nel 2008 lo scrittore Giuseppe Genna ha definito Musicaos.it come “Uno degli snodi fondamentali della blogosfera letteraria che ha retto al crollo della medesima”. La rivista online diretta fin dal gennaio 2004 da Luciano Pagano è stata ospite nel volume “Best Off” (il meglio delle riviste di letteratura online curato da Mario Desiati) dell’editore Minimum Fax, nel 2007. Di recente il poeta e critico Enzo Mansueto, sulle colonne del Corriere del Mezzogiorno, ha definito Musicaos come “una delle esperienze culturali online più significative dell’ultima stagione della letteratura pugliese”.

Foto: Giancarlo Greco

In copertina: “Girl with dove”, Margarita Nizharadze
Progetto grafico Bookground

Ingresso Libero

§

Informazioni:

Libreria Idrusa – 0833.781747
http://www.libreriaidrusa.it/

Musicaos Editore – 0836.618232 – 328.8258358
http://www.musicaos.org
info@musicaos.it

7 Marzo 2016 – Lecce – Anna Scarsella presenta “Il profumo delle rose inglesi”, Libreria Pensa – “L’altro Spazio”


Anna-Scarsella-Il-profumo-delle-rose-inglesi-Musicaos-EditoreLUNEDÌ 7 MARZO 2016 – ORE 18.30
presso LIBRERIA PENSA “L’altro Spazio” (LECCE Via Bachelet, 23)

si terrà la presentazione del romanzo
“IL PROFUMO DELLE ROSE INGLESI”
di Anna Scarsella.

Dialogherà con l’autrice
Luciano Pagano, editore

Lunedì 7 Marzo 2016, nei locali della LIBRERIA PENSA “L’Altro spazio” alle ore 18.30, si terrà una nuova presentazione del romanzo di Anna Scarsella, “Il profumo delle rose inglesi” edito da Musicaos Editore. Luciano Pagano dialogherà con l’autrice.

Così lo scrittore Livio Romano, a proposito del romanzo, che prende spunto da luoghi del Salento innestandovi elementi forte suspense:

“Chi è questa nuova investigatrice, a quale genere di viaggiatori all’interno del torbido inferno delle passioni umane appartiene la psicanalista Elise? È una donna affascinante e indipendente eppure così magnificamente femminile ed esposta agli smarrimenti d’ogni essere umano anche laddove ardisca a dipanare il ginepraio di bugie, oblii, verità traballanti dentro al quale suo malgrado s’è imbattuta. Ha tutte le caratteristiche, Elise, insomma, perché i lettori se ne innamorino, ne fantastichino le fattezze, se la figurino all’azione in quello strenuo sforzo di dominare il personale timor panico e di lacerare la cortina di mistero che ha improvvisamente avvolto le sue giornate. In questo noir scritto con piglio sicuro e controllato. Anna Scarsella ci sorprende per la ricchezza e la varietà della folla, cospirante e insieme disperatamente bisognosa di aiuto, la quale nugola attorno all’irresistibile protagonista. Tratteggiati con sapiente sottrazione, e proprio per questo assai vividi, agiscono inoltre i due uomini più importanti di Elise, uno molto vicino alla Nostra e l’altro, il dispensatore del profumo balsamico del titolo del romanzo, posto in una lontananza catartica. È facile già presagire la psicanalista e i suoi due angeli custodi alle prese con un nuovo sapido intrigo da sgarbugliare nella città immaginaria di Malecuti.”

Anna Scarsella, vive e lavora come insegnante di storia e filosofia in un liceo di Lecce, città nella quale è nata. È appassionata di storia contemporanea e psicologia. Ha tradotto e pubblicato per la casa editrice Milella di Lecce un saggio del filosofo scozzese Lord Kames dal titolo “Discorso Preliminare sull’Origine degli Uomini e delle Lingue”. “Il profumo delle rose inglesi” è il suo primo romanzo.

Info:
http://www.musicaos.org
info@musicaos.it
LIBRERIA PENSA “L’altro spazio”: 0832099335 – spazio@libreriapensa.it

“A nuda voce. Canto per le tabacchine”, di Elio Coriano. Elio Coriano, Stella Grande, Vito Aluisi, da 4 all’8 marzo. A Lecce, Nardò, Aradeo, Mesagne.


locandina-facebook-Pagina001“A nuda voce. Canto per le tabacchine”
(Musicaos Editore)

di ELIO CORIANO

con ELIO CORIANO
(voce, testi)

STELLA GRANDE
(canto, voce)

VITO ALUISI
(musica, canto)

4 Marzo 2016 – nell’ambito di “Itinerario Rosa”, edizione 2016
LECCE – Teatro Paisiello – ORE 20.00

5 Marzo 2016 – nell’ambito di “Ricordando l’8 marzo: Donne, storia di una libertà incompiuta”
NARDÒ – Chiostro di Sant’Antonio – Ore 18.00

6 Marzo 2016 – Aradeo – Ore 19.30
Club Degli Amici
(Viale della Libertà, accanto al Teatro Modugno)

8 Marzo 2016 – Mesagne – Ore 19.30
Parrocchia del Carmine – Sala Shalom
(Piazza San Michele Arcangelo)

Quattro appuntamenti imperdibili, nel mese di Marzo, per il recital poetico nato dalla raccolta “A nuda voce. Canto per le tabacchine”, di Elio Coriano, edita da Musicaos Editore. Il 4 Marzo a Lecce, (Teatro Paisiello, ore 20.00), nell’ambito di Itinerario Rosa e il 5 Marzo presso il Chiostro di Sant’Antonio, a Nardò, nell’ambito di “Ricordando l’8 marzo: Donne, storia di una libertà incompiuta”. Il 6 marzo sarà la volta del “Club degli Amici” di Aradeo (sito in Viale della libertà), che ospiterà Elio Coriano, Stella Grande e il musicista Vito Aluisi. L’8 marzo “A nuda voce. Canto per le tabacchine” sarà di scena a Mesagne alle ore 19.30, presso la Parrocchia del Carmine, in Piazza San Michele Arcangelo. Ingresso libero per tutti gli appuntamenti.

“A nuda voce. Canto per le tabacchine” (Musicaos Editore) è il titolo dell’ultima raccolta poetica di Elio Coriano, dedicata alla tragedia che portò alla morte di sei tabacchine a Calimera, il 13 Giugno 1960, per l’incendio nei locali della ditta Villani e Franzo. A un anno dalla pubblicazione della raccolta poetica (giunta alla sua seconda ristampa), dopo decine di presentazioni tenutesi nel Salento, a Taranto, Brindisi e in Calabria, la performance di Elio Coriano giunge (è la seconda volta per il poeta) presso la prestigiosa sede della Camera dei Deputati, nell’ambito di un appuntamento di rilievo nazionale.

La poesia di Elio Coriano, i cui versi sono forti della loro impronta sociale e storica, è stata ospite nel 2015, con “A nuda voce. Canto per le tabacchine” (insieme al canto di Stella Grande e alla musica di Vito Aluisi), di diversi luoghi-simbolo della ‘resistenza culturale’, dalla casa/biblioteca di Girolamo Comi, a Lucugnano, a Palazzo Gallone di Tricase, nell’ambito della mostra “Le donne tra analfabetismo ed emancipazione. Dalle carte di Tommaso Fiore”, passando dallo Spazio Sociale della Biblioteca Popolare di Taranto, dal FondoVerri di Lecce alle Officine Culturali Ergot e al Palazzo Imperiali, di Latiano (Br); nella Grecià Salentina “A nuda voce. Canto per le tabacchine” è stato ospite di Parco Palmieri, a Martignano e del Nuovo Cinema Elio, a Calimera, in due appuntamenti organizzati dalle rispettive amministrazioni locali; infine, nell’ambito del festival itinerante “La Notte Incanta”, la performance di Elio Coriano è ritornata a Calimera, l’11 agosto scorso.

MASSIMO MELILLO, Nuovo Quotidiano di Puglia:

“A nuda voce” racconta in versi l’ormai leggendaria e mitica epopea delle tabacchine salentine per conquistare dignità e giustizia e proprio questo cd contiene in apertura “La danza del fuoco”, che ricorda la strage di Calimera del 13 giugno 1960 quando un incendio sviluppatosi nel magazzino “Villani e Pranzo”, uccise le tabacchine Luigia Bianco, Lina Tommasi, Luigia Tommasi, Epifania Cucurachi, Lucia Di Donfrancesco e Assunta Pugliese, ricordate a Calimera in una lapide con i versi di Maria Roca Montinaro. E scrivendo in prefazione la storia di Rosetta, tabacchina comunista e attivista sindacale della Cgil con Cristina Conchiglia, Adele Bei, Sara Librando – alla quale i Comunisti italiani di Carmiano del Pdci salentino hanno de dicato la loro sezione – Ada Donno annota la durezza e la precarietà, oggi come allora, del lavoro. “A nuda voce”, per giunta, viene pubblicato a ridosso dell’ottantesimo anniversario della tragica e sanguinosa rivolta di Tricase del 15 maggio 1935 per protestare contro lo scioglimento del tabacchificio Acait e sarebbe auspicabile cogliere questa coincidenza affinché quegli avvenimenti siano compiutamente tramandati per ricordare quell’ormai lontano maggio, quando le forze dell’ordine del regime fascista spararono sulla folla uccidendo Maria Assunta Nesca, il quindicenne Pietro Panarese, Cosima Panico, Pompeo Rizzo e Donata Scolozzi.

Francesco Aronne, FARONOTIZIE.IT – Anno X – Numero 109

E ad Elio Coriano il merito di riannodare i fili con un nostro passato neanche tanto lontano. La durezza del lavoro nei campi. Echi forti di un mondo da cui proveniamo. Schiene curve, maglie di lana fatte in casa indurite da incrostazioni del sale del sudore cristallizzato nella sera estiva. L’odore di pecora immerso in quello della fatica e da questo coperto. Nessuna doccia e nessun bagnoschiuma a lenire la fatica di un altro giorno duro, duro e nero. Come il nero della terra sotto le unghie, efficace immagine con cui l’autore suggella l’estrema sintesi della durezza di quella/questa vita. La terra da cui proveniamo ed a cui ritorneremo, la terra che ci nutre e ci inghiotte, la terra che vilipendiamo ingenerosamente quotidianamente, la terra madre che ci accoglie e ci salva da ogni naufragio, la terra promessa e mancata.

(foto di Luca Nicolì)

“Se gli uomini sapessero”, Elisabetta Liguori – ebook disponibile dal 3 marzo su tutti gli store digitali


Se-gli-uomini-sapessero-Elisabetta-Liguori-Musicaos-Editore“Se gli uomini sapessero”, Elisabetta Liguori

Musicaos Editore, Ebook

(in uscita il 3 marzo 2016 su tutti gli store digitali)

“Si può scrivere un romanzo fatto solo di desiderio?”.
Se lo chiede Nina, una delle quattro protagoniste di questa storia, insieme a Porzia, la scrittrice impegnata in cerca del suo romanzo definitivo, Anna – appassionata di moda – e Emma, “la lieve”. Amiche creative e non ancora gratificate, che grazie al loro legame metteranno da parte le apparenti difficoltà del presente e gli screzi del passato, per creare una start-up di beachwear e abbigliamento artigianale, un laboratorio che strizza lʼocchio alla sartoria delle “nonne” ma desidera calcare le passerelle di Milano.

Elisabetta Liguori fa muovere questo “quartetto dʼuteri” sullo scenario di una città dagli spazi angusti, troppo sottili per i desideri di queste comuni amiche, i cui giorni sono percorsi da una corrente, unʼelettricità che tiene vivo il loro desiderio di realizzarsi; la sua scrittura ʻvolaʼ sul jet-set di provincia, sui rapporti familiari da ricomporre o costruire, sulle esistenze a metà, di profilo, abbozzate o compiute, fino a far atterrare – un mattino – la più lieve di tutte, Emma, a Linate.

§

Elisabetta Liguori è nata a Lecce nel 1968, dove vive e lavora, presso il tribunale per i minori. È laureata in giurisprudenza. Ha collaborato con la rivista “Nuovi Argomenti”, e per numerose altre riviste on line. Collabora con il “Nuovo Quotidiano di Puglia”, alla pagina della cultura, con una particolare attenzione per la letteratura al femminile. Ha pubblicato “Il credito dell’imbianchino” (Argo Editrice, 2004, finalista al Premio Berto 2005 e al Premio Carver 2005), “Il correttore” (peQuod, 2007), “Tutto questo silenzio” (Besa Editrice, 2010, scritto con Rossano Astremo). “La felicità del testimone” (2012, Manni Editori), “Kora, una storia a colori” (Lupo Editore, 2013, con illustrazioni di Carlos Arrojo). Nel 2015 ha pubblicato il primo episodio di una trilogia urban fantasy, “Il secondo giorno – Kiss for my angel”, per i tipi di Musicaos Editore, in formato cartaceo e digitale.

Alcuni suoi racconti sono apparsi sulle riviste e in antologie tra le quali: “Mordi & fuggi” (Manni Editori, 2007), “Laboriosi Oroscopi” (Ediesse, 2006), “Dizionario affettivo della lingua italiana” (Fandango, 2008), “È finita la controra” (Manni Editori, 2009) e “Sangu, racconti noir di Puglia” (Manni Editori, 2011); “Nessuna più. Quaranta scrittori contro il femminicidio” (Elliot, 2013), nell’ambito della quale ha trovato spazio la sua attenzione e l’interesse per i personaggi femminili. Ha preso parte a progetti culturali internazionali, curando la stesura dei testi musicali e teatrali.

“Se gli uomini sapessero”, Elisabetta Liguori
Musicaos Editore, Isbn 9788899315382

(disponibile gratuitamente da giovedì 3 marzo
in formato ebook su tutti gli store digitali)

3 Marzo 2016 – Lecce, Libreria Mondadori – Un nuovo appuntamento con Antonella Screti e la Storia di Raidha


Antonella-Screti-Storia-di-Raidha-e-la-chiesetta-Musicaos-EditoreLibreria Mondadori – Lecce
Musicaos Editore

Giovedì 3 Marzo 2016 – Ore 18.30

“Storia di Raidha e la chiesetta”
di Antonella Screti

Libreria Mondadori
Lecce – Piazza Sant’Oronzo

Dialoga con l’autrice:
Luciano Pagano

Giovedì 3 Marzo 2016 alle ore 18.30, a Lecce, presso i locali della Libreria Mondadori (Piazza Sant’Oronzo), si terrà la presentazione di “Storia di Raidha e la chiesetta”, di Antonella Screti edito da Musicaos Editore. L’autrice dialogherà con l’editore, Luciano Pagano.

“Del resto, alla fine dei conti, la destinazione dei racconti e dei misteri, se sono buoni, non è quella di essere spiegati, ma di salvarci” (Ignazio Licata, fisico)

La “Storia di Raidha e la chiesetta” ci ricorda che il mondo in cui viviamo non è fatto solo di materia e che esistono diversi mondi invisibili ai nostri occhi e agli altri nostri sensi, oggettivamente limitati. Sono mondi pregni di presenze, inclusa la nostra, in cui gli accadimenti e le tracce di ciò che resta hanno regole proprie, che è saggio conoscere per ricordarne l’esistenza e le relative manifestazioni. Questo racconto invita il lettore a riscoprire l’unità tra corpo e spirito, in quella zona di equilibrio in cui si manifestano le forze della natura. Danza, gesto, musica, pittura, sono linguaggi che ci aiutano ad avvicinare l’inavvicinabile, tentare di esprimere l’ineffabile e, nello stesso tempo, intraprendere un cammino di conoscenza. È così che in un percorso dall’ombra alla luce, riaffiora una vicenda del passato, la voce dell’autrice diviene “Maga’, “Mescia’, e ci consegna un quadro di speranza, ambientato in un Salento che diventa luogo privilegiato per la riscoperta del sé. Le illustrazioni del testo sono realizzate dall’artista Patrizia Elia.

Antonella Screti

Psicopedagogista, Counselor transpersonale di biotransenergetica.
Dal 1993 opera nei settori della prevenzione sociale, della comunicazione, del benessere e cura della persona e delle comunità. Si è formata in psicologia della scrittura; sociologia qualitativa; danza-musico terapia salentina. È terapista Reiki sistema USUI.
Predilige l’utilizzo di tecniche per l’integrazione psicocorporea coniugando l’esperienza professionale di tipo socio-psico-pedagogico con l’attenzione delicata e profonda verso gli ancestrali e originari mondi naturale e spirituale.

In rete
http://www.alimeridiane.it

“Storia di Raidha e la chiesetta”, Antonella Screti, Musicaos Editore
Pagine 100, ISBN 9788899315269, Illustrazioni di Patrizia Elia

Info:
www.musicaos.it
info@musicaos.it