“Sguardi di mondi rubati” di Moira Fusco. Un racconto.


“Sguardi di mondi rubati”, il racconto di Moira Fusco, senza mediazioni e preamboli ci introduce immediatamente sulla scena di un incontro, quello tra Inès e Gabrièl, la prima una volontaria di un equipe medica, il secondo un fotografo, nello scenario di Ouaga, capitale del Burkina, tra le macerie dei bombardamenti, il costante pericolo e il coprifuoco nelle strade. Proseguendo nel racconto, breve e intenso come un episodio di guerriglia urbana, ci accorgiamo che i due protagonisti condividono un passato.

Interessante come l’autrice, in poco spazio, riesca a rendere il distacco tra il pericolo e la prospettiva di salvezza, che viene improvvisa scappando fuori dalla città, e ritornando ai lembi di quella foresta che è madre e che accoglie, come uno sguardo che cela in sé “tutte le storie del mondo”, tutti i miti, tutto il passato, tutto il futuro. Buona lettura.

Luciano Pagano

“SGUARDI DI MONDI RUBATI”
di Moira Fusco

bizard_scotchcrossing_ouaga_6– Ti prego dimmi che non morirò qui – disse Inès con voce rotta a quel perfetto sconosciuto.
Si erano conosciuti così Inès e Gabriel, in un pomeriggio scandito dal fragore incessante di quei colpi dei fucili dei soldati che avevano occupato le strade di Ouaga, saccheggiandola senza troppi ripensamenti. Strade intrise del puzzo nauseante di oggetti bruciati, testimoni di illusioni di uomini andate in frantumi e mai più ritornate, di volti segnati da interminabili lotte intestine perse in un tempo senza memoria e che sapevano densamente di vita, di vite…
La linea rosso fuoco dell’orizzonte africano spaccava il cielo in modo prorompente, segnando il labile confine tra il giorno e la notte, una notte la cui presenza ingombrante dopo lo scoppio di quei tormenti sembrava non volere più cedere il passo al giorno.
E quando in quel caldo pomeriggio di polvere rossa tanto cara alla terra africana, la mano di Gabrièl toccò quella di Inès, entrambi sentirono che qualcosa nelle loro vite sarebbe cambiato per sempre.

In lei c’era tutto: sguardo intenso adombrato da un fondo di malinconica dolcezza; spirito misto di ribellione e sfrontatezza che le conferivano un che di imprevedibilità agli occhi di quanti aveva incontrato nella sua vita. E in lui c’era tutto: gusto forse estremo per il nuovo e la scoperta; passione esasperata per quei viaggi che lo spingevano fino ai lembi del mondo e un calore palpabile dettato da due grossi occhi neri quasi fossero onice.

bizard_scotchcrossing_ouaga_10Inès e Gabriel erano giunti in Burkina, in quello stato tra i più poveri dell’Africa, mossi da intenti diversi, risultato di storie altrettanto differenti e lontane. Inès viaggiava come volontaria con un equipe medica italo-francese per un progetto di prevenzione sanitaria contro la piaga della città di Ouaga e dei villaggi circostanti, la malaria. Scrittrice e perenne viaggiatrice senza più patria se non i suoi fogli e le parole, aveva scelto liberamente di ritrovarsi lì per guardare in faccia la sofferenza, “quella vera”, come lei la definiva, autorizzandola a insinuarsi tra le pieghe della sua pelle per poi cavarne fuori la forza di combatterla. Gabrièl era alla ricerca di nuovi paesaggi da fotografare e di nuove ispirazioni per la raccolta del libro “Sguardi di mondi rubati” al quale da anni stava lavorando. Aveva ereditato la passione per i viaggi da suo padre, un uomo quanto mai assente che aveva segnato in modo negativo la sua infanzia, ma questo aveva finito per renderlo sorprendentemente un uomo forte e umano nel senso più palpabile del termine.
Gabrièl afferrò con fermezza la mano sporca di fango e un po’ sudata di Inès che per una brevissima frazione di secondi la ritrasse, probabilmente più per vergogna che per paura: “Non morirai qui! Ma adesso devi correre, dobbiamo allontanarci e in fretta! La città non è sicura e tra poco partirà il coprifuoco” – così le disse, fissandola con l’intensità che quegli occhi neri emanavano tra la semplicità più disarmante.
– Mi sono persa… – esitò Inès ancora una volta.
– Non è il momento – rispose secco Gabrièl con un tono di voce che stavolta tradiva una punta di insofferenza per l’immobilità ostinata della ragazza – muoviti ho detto se ci tieni alla tua pelle! –

bizard_scotchcrossing_ouaga_20E così Inès decise di affidarsi, forse realmente per la prima volta nella sua vita, lanciandosi in una corsa sfrenata tra quello che rimaneva delle strade di Ouaga dopo i bombardamenti della notte trascorsa, con nelle orecchie il suono assordante del coprifuoco e negli occhi lo sgomento per quel nulla esasperante che la circondava: macerie e tracce di vite ormai irriconoscibili. Era la guerra per il dominio della terra, quella terra brulla e accogliente come madre, fatta di braccia di donne instancabili vestite da secoli di albe calde e solitari tramonti, della cui fertilità avevano fatto la loro ragione di vita, ora scenario affranto di desideri dettati solo da ostinazione e istinti irrefrenabili di prevaricazioni senza tregua.
– Corri Inès, corri! Muovi quelle belle gambe! – urlò Gabriel riportandola alla realtà quasi volesse sottrarla ai suoi pensieri, quasi temendo che il coraggio disperato di quella donna fosse ingoiato anch’esso da tutta quella miseria e orrore.
Stavano percorrendo quel che rimaneva di una città la cui fine era stata già forse segnata sul nascere da giochi di potere che richiamavano le pagine più tristi della storia, fatte di atroci e imperdonabili negazioni della dignità umana.
– Corri Inès – nelle orecchie il suono deciso della voce di Gabrièl, le si confondeva ora a quello morbido della voce di sua madre che le tornava in mente con la forza che i rimpianti sanno ben suscitare! Quanto avrebbe voluto stringerla ancora e dirle di esserle grata per tutto ciò che era, affondando completamente il palmo della sua mano su quel volto così chiaro che in passato aveva più volte baciato fino a farsi ripetere – Sei sempre una bambina eh? -.

bizard_scotchcrossing_ouaga_26Ma ora non c’era tempo, tutto finito! Non c’era più spazio per i ricordi, né per i rimorsi o i rimpianti, c’era solo il vento umido africano che annunciava con calma arrendevole la venuta della sera e chissà di quale altra notte! C’era il timore per quello che forse non avrebbe più potuto essere, di ciò che si poteva perdere o di ciò che non si era ancora trovato; di quello che Inès non aveva ancora vissuto, ma solo immaginato tra le tante notti in cerca di un sonno che tardava ad arrivare; notti rimescolate a profumi di altre tipicamente estive lambite dai sensi storditi dal fumo e dall’alcool, accarezzate da rapide emozioni difficili da controllare. Forse stavolta non c’era più tempo davvero…
Poi d’improvviso l’urlo di Gabrièl la riportò alla realtà o forse fu più quel terribile dolore alle gambe che l’aveva invasa come fosse fuoco – Gabrièl, ti prego… – riuscì a emettere a stento con l’ultimo fiato rimastogli in petto.
– La periferia! Inès guarda la periferia! – urlò Gabrièl, scandendo le parole con la stessa gioia e ansia di un bambino che arriva in un posto atteso per ore.
Di fronte ai due ragazzi il verde incontrastato della foresta africana nella sua essenza più nuda e autentica, priva di inutili orpelli, fin troppo avvolgente da lasciarsi immaginare.
– Ce l’abbiamo fatta Inès, siamo fuori, i militari non si spingeranno fino a qui – la rassicurò Gabrièl stremato, con le pupille degli occhi ormai dilatatissime, il volto intriso di sudore e i battiti del cuore sempre più accelerati.
Inès scoppiò in un pianto liberatorio lasciandosi cadere a terra, ma Gabrièl la trattenne a sé stringendola forte. Avevano corso parecchio temendo di non riuscire a varcare il confine sorvegliato dai soldati. Gabrièl aveva scelto di passare per quelle strade ridotte in macerie riuscendo così a evitare le ronde che perlustravano di continuo i pochi edifici rimasti ancora in piedi, per poi inoltrarsi tra le periferie che conducevano ai villaggi limitrofi fatti di capanne di foglie e legno, estremamente poveri e poco appetibili.
– Sei salva Inès e non morirai oggi – disse Gabriel sorridendole dolcemente, stringendola ancora più forte tanto da avvertire un incastro perfetto tra i loro corpi ancora esausti e tremanti.

bizard_scotchcrossing_ouaga_23Inès lo guardò parlandogli con quegli occhi colmi di lacrime, poi nascose il volto tra le braccia del ragazzo quasi a voler fissare la fine del pericolo. E tra quelle braccia sconosciute e inspiegabilmente familiari, Inès sentì tutte le storie del mondo, tutte le vite raccontate nei cicli del tempo, tutti i sapori di un’umanità persa tra il suo passato di miti, di guerre, di semplici storie di uomini e di donne ora in balìa della propria ricerca di senso. Ripercorse velocemente tutta la sua vita riavvolgendola come la pellicola di un film, ripassò tra i suoi chiaro – scuri risalendo per le vie più pericolose dei ricordi, immagini nitide in contrasto con sfondi scontornati, umori dolci amari di storie ormai terminate per sempre. Era proprio la sua vita.
Inès alzò nuovamente il capo, incrociò gli occhi di Gabrièl che la fissavano in attesa di risposta e le sembrò ancora più bello tra il rosso del tramonto spennellato al blu più intenso della sera che scendeva piano su di loro.
Sapeva di aver trovato Gabrièl. Sapeva di averlo trovato per sempre.

§

Moira Fusco è docente di psicologia e comunicazione, con un’esperienza biennale di insegnamento a Roma, attualmente collabora con il Centro Risorse Famiglia della Provincia di Lecce. Ha insegnato in Portogallo, in seguito è stata in Benin, presso l’orfanotrofio Porto Novo, per un progetto di volontariato in Africa. Ha collaborato con la testata giornalistica “Voci Globali” (http://www.vociglobali.it), scrivendo articoli di cultura e interventi incentrati sulla difesa dei diritti umani.

Le immagini, scattate a Ouaga durante una performance di ‘scotchcrossing’ sono dell’artista BIZARD, http://www.bizard.net/

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

  1. antonella sinopoli ha detto:

    “Era la guerra per il dominio della terra, quella terra brulla e accogliente come madre, fatta di braccia di donne instancabili vestite da secoli di albe calde e solitari tramonti, della cui fertilità avevano fatto la loro ragione di vita, ora scenario affranto di desideri dettati solo da ostinazione e istinti irrefrenabili di prevaricazioni senza tregua”. Scelgo questa frase perché tra le tante, intense espressioni del racconto, in questa Moira dà perfettamente il senso dei corpi meravigliosi (della terra e delle donne) soggetta/soggette al saccheggio più totale. Grazie Moira.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...