2 agosto 2022 – Melissano – Tommaso Stefanachi presenta «TeleMpatia intensiva»


Martedì 2 Agosto 2022 – Ore 19.30 presso la BIBLIOTECA “Maria Russo”

presentazione del libro

“TeleMpatia intensiva” (Musicaos) di Tommaso Stefanachi

Saluti:
Alessandro Conte
(Sindaco di Melissano)

Interventi:
Maria Rosaria Siciliano
(Assessore alle Politiche Giovanili)

Lorenzo Milone
(referente Consulta Giovanile)

Tommaso Stefanachi
(autore)

Luciano Pagano
(editore)

Intervento musicale a cura dell’Associazione Musicale Junior Band APS

§

Martedì 2 agosto 2022 alle ore 19.30, presso la Biblioteca “Maria Russo” di Melissano, si terrà la prima presentazione del libro “TeleMpatia intensiva” (Musicaos) di Tommaso Stefanachi, al suo esordio narrativo. Durante l’incontro, dopo i saluti del Sindaco di Melissano, Alessandro Conte, interverranno Maria Rosaria Siciliano (Assessore alle Politiche Giovanili), Lorenzo Milone (per la Consulta Giovanile), l’autore, Tommaso Stefanachi, Luciano Pagano (editore).

Tommaso Stefanachi, nato a Casarano nel 1994 è un insegnante di Lettere. Cresciuto a Melissano, in provincia di Lecce, è dedito da sempre all’attivismo sociale e all’associazionismo locale. Laureato in Lettere moderne, dal 2018 lavora in varie scuole della provincia di Imperia e vive a Sanremo, pur preservando un legame simbiotico con la sua terra.

«Telempatia intensiva» è la storia di Leonardo Bodini e del suo percorso di rinascita, di sua madre Beatrice, cui il destino riserva una prova di forza straordinaria e di Sandro, il migliore amico di Leo, della sua evoluzione umana sorretta da un inguaribile senso dell’ironia, e infine di Grazia e della sua crescita spirituale e artistica.

«Telempatia intensiva» è anche un gioco che occupa i dodici giorni in cui si svolge la vicenda narrata, in cui l’ozio letterario si unisce alla lotta contro il tempo, vedendo i protagonisti alle prese con il destino per riportare Leonardo al suo mondo e alla spensieratezza di sempre.

Questo romanzo è la testimonianza che la letteratura innamora, congiunge e salva letteralmente la vita, in un intreccio fra romanzo di formazione e psicologico, proponendosi come strumento integrativo e funzionale all’applicazione didattica.

Il lettore insieme a Leonardo, compirà un viaggio nel nostro territorio e nella letteratura italiana, da Dante ai trecentisti Petrarca e Boccaccio, da Lorenzo de’ Medici e Poliziano ad Ariosto e Marino, da Parini a Verga, da Pascoli fino ai giorni nostri, con leggerezza e passione gli estratti diventano riflessi di vita vera.

Si instaura così un dialogo dinamico fra il vissuto dei protagonisti e l’immortalità dei versi e delle prose cui si approcciano.

Informazioni
Musicaos Editore
info@musicaos.it – tel. 0836618232
www.musicaos.org

Otranto – 29 luglio 2022 – Catumerèa di Leo Luceri presso la Biblioteca di Comunità “Le Fabbriche”


Musicaos Editore, con il patrocinio della Città di Otranto

Venerdì 29 luglio 2022 – Ore 20
presso
Biblioteca di Comunità “Le Fabbriche”
(Otranto – Area portuale)

Presentazione di

“Catumerèa. Versi multilingui a sud del sud”
(Musicaos) di Leo Luceri

dialogherà con l’autore
Anna Rita Merico
(ricercatrice)

interverrà l’editore
Luciano Pagano

Venerdì 29 luglio 2022 alle ore 20, presso la Biblioteca di Comunità “Le Fabbriche” di Otranto (Area portuale), con il patrocinio della Città di Otranto si terrà la presentazione della raccolta di poesie di Leo Luceri, “Catumerèa. Versi multilingui a sud del sud” edita da Musicaos Editore. L’autore dialogherà con la scrittrice e ricercatrice Anna Rita Merico; interverrà l’editore Luciano Pagano. Quella di Catumerèa, come ha notato Antonio Lucio Giannone, ordinario di letteratura italiana contemporanea presso UniSalento, è “Una poesia che si colloca nel solco della tradizione lirica novecentesca”, che prende spunto da un luogo storico/geografico ben preciso: “La Catumerèa”, a Martano, è una strada lunga e stretta che un tempo collegava il centro del paese con la via Traiana Calabra e sulla quale si aprivano molte corti, alcune delle quali sono riuscite a sopravvivere ai disastri architettonici commessi negli anni sessanta e settanta del secolo scorso. Quella via, con i suoi vicoletti laterali, era un mondo. Ogni corte era un mondo. Prevalentemente di lingua greca. Leo Luceri ha scelto questa strada come titolo e luogo simbolico, crocevia di una raccolta che come recita il sottotitolo, “versi multilingui a sud del sud”, raccoglie versi scritti in italiano, greco, spagnolo, griko, senza nessun intento localistico o folclorico. Tra reminiscenze letterarie e autobiografia si situano queste poesie, delle quali ognuna raccoglie la testimonianza di un luogo, di un ricordo, di un “passaggio” dell’autore sulle tematiche del viaggio, del confinamento, dell’esilio, in un certo senso del significato di essere altrove.

Leo Luceri, nato a Martano (Lecce), ha trascorso buona parte della sua vita lavorando e studiando all’estero. Laureato in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università del Salento, è specializzato in Letteratura Europea presso l’Universidad Autónoma de Madrid, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Teoria della Letteratura e Letteratura Comparata. Ha pubblicato interventi critici sull’opera di Vittorio Bodini ed in particolare sulla fortuna critica dell’autore in Spagna. Ha svolto attività come Lettore di Italiano con mandato del Ministero degli Affari Esteri presso l’Universidad Central del Ecuador e la Pontificia Universidad Católica del Ecuador di Quito, presso l’Universidad Autónoma di Madrid e infine presso l’Univerzita Komenského (Università Komensky) di Bratislava. Ha insegnato lingua italiana in Francia e in Svizzera, ed è stato docente di ruolo di Lingua e Civiltà Francese negli istituti di istruzione secondaria in Italia.

Informazioni
Musicaos Editore
tel. 0836618232 info@musicaos.it
www.musicaos.org

Tuglie, 25 luglio 2022 – Anteprima nazionale di “Opera poetica” di Luigi Scorrano


Lunedì 25 luglio 2022 – Ore 21
Tuglie – Largo San Giuseppe
Anteprima nazionale del volume
“Opera poetica” di Luigi Scorrano
(Musicaos Editore)

Saluti istituzionali:
Massimo Stamerra
(Sindaco di Tuglie)

Silvia Romano
(Assessore alla cultura di Tuglie)

Intervengono:
Antonio Errico
(Giornalista e scrittore)

Antonio Montefusco
(Università Ca’ Foscari Venezia)

Antonio Resta
(Ricercatore)

Luciano Pagano
(Editore)

Lunedì 25 luglio 2022, alle ore 21, a Tuglie, presso il Largo San Giuseppe, si terrà l’anteprima nazionale del volume “Opera poetica” di Luigi Scorrano, edito da Musicaos Editore, a cura di Antonio Montefusco, con scritti di Antonio Montefusco e Antonio Resta. Durante l’incontro, al quale prenderanno parte il sindaco di Tuglie, Massimo Stamerra, e l’assessore alla cultura del comune di Tuglie, Silvia Romano, si presenterà il volume nel quale sono confluite per la prima volta le raccolte edite e inedite del professore Luigi Scorrano. Ne discuteranno insieme il curatore del volume, Antonio Montefusco (Università Ca’ Foscari Venezia), Antonio Resta (Ricercatore), Luciano Pagano (editore), lo scrittore e giornalista Antonio Errico, autore nel 1987 della prima nota alla prima plaquette edita da Scorrano, “Di giorni, di parole”, che apre il volume, che esce oggi nella collana “Fogli di Via”, diretta da Simone Giorgino e nella quale sono già stati pubblicati i volumi contenenti le opere poetiche di Claudia Ruggeri, Salvatore Toma, Jan Dost, Alexander Shurbanov.

Luigi Scorrano ha insegnato per lungo tempo presso le scuole secondarie superiori, in particolare a Casarano, città che gli ha concesso la cittadinanza onoraria nel 2015. A Tuglie, suo paese di residenza, Scorrano è stata una figura politica di riferimento nel quadro della sinistra progressista di impianto socialista, assumendo anche la funzione di assessore alla cultura e impegnandosi in politica fino a epoca recente. Allievo di Aldo Vallone, ne divenne un assiduo collaboratore pubblicando con lui uno dei più fortunati commenti alla Divina Commedia di Dante. Da questa collaborazione sono nati molti saggi danteschi, che hanno guadagnato a Scorrano una notevole considerazione nel mondo accademico (è stato a lungo redattore di una delle principali riviste del settore, L’Alighieri); una impressionante mole di saggi è dedicata alla memoria dantesca negli autori contemporanei. All’attività di critico e saggista, Scorrano ha unito una variegata produzione letteraria: questa produzione, in parte inedita o pubblicata su sedi appartate, si colloca in generi letterari diversi, che vanno dal racconto alla poesia alla riscrittura dei classici.

Antonio Montefusco, originario di Tuglie (Le), è Professore di Filologia Medievale e Umanistica all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si è laureato a Roma Università La Sapienza, e ha lavorato a Parigi, Düsseldorf, Vienna. Si è occupato di letteratura medievale, in particolare di testi francescani, di letteratura profetica e di propaganda e di Dante.

Informazioni
Musicaos Editore
tel. 0836618232, info@musicaos.it
www.musicaos.org

Anna Rita Merico: «La centralità del margine. Su “Carta poetica del Sud” di Simone Giorgino» disponibile in pdf


Con La centralità del margine. Su “Carta poetica del Sud” di Simone Giorgino Anna Rita Merico compie un approfondimento essenziale, indicando una delle ulteriori linee di ricerca già evidenti nel testo di Giorgino, quella delle poete citate nel volume, offrendo spunti di riflessione al dibattito già innescatosi con la pubblicazione del testo, del quale riportiamo in calce a questo post gli articoli usciti a oggi.

Scrive a tal proposito Anna Rita Merico «Giorgino, per la redazione della Carta poetica, non tralascia la presenza femminile con Jolanda Insana, Goliarda Sapienza, Claudia Ruggeri. L’analisi della poesia prodotta da poete nel corso del XX sec. attiene ad aspetti critici non ancora tutti esplorati, attualmente, in ambito critico-letterario italiano. La lettura di taluni diari (esplicativo quello di Sibilla Aleramo) offre precisi spunti sulla dimensione esistenziale ed intellettuale di donne di cultura del XX sec. Per le donne il percorso si mostra, talvolta, maggiormente articolato in quanto non è scontato l’accesso in comunità poetiche in cui riconoscimento e autorevolezza sono articolati secondo precisi passaggi in cui le donne non sempre si riconoscono. S’aggiunga a ciò l’assunzione di modelli attraverso cui, nell’universo letterario, si cerca assimilazione e “parità” a fronte della necessità della ricerca, da parte delle stesse donne, della propria differenza testuale.»

A questo link potete scaricare e leggere il testo completo del saggio di Anna Rita Merico, “La centralità del margine. Su ‘Carta poetica del Sud’ di Simone Giorgino”.

Proseguono le pubblicazioni, nella forma del pdf scaricabile, di saggi, approfondimenti e interventi, sul blog di Musicaos, preludio a possibili pubblicazioni, diverse direzioni, narrative e poetiche, di qui a venire.

Anna Rita Merico vive nel Salento. Originaria di Nola (Napoli). A Nola ha imparato il senso profondo dell’antropologia attraverso l’imponente Festa dei Gigli (patrimonio immateriale U.N.E.S.C.O.), le strade del libero pensiero attraverso lo studio dei due nolani Giordano Bruno e Pomponio Algieri. Laureatasi presso Università Federico II in Filosofia con tesi in Dottrine Politiche sul pensiero di Carla Lonzi che le ha consentito di intraprendere un percorso mai lasciato: quello sulle politiche della soggettività. Ha tenuto insieme due parti importanti della propria attività: l’insegnamento e la ricerca sugli studi legati alla conoscenza del pensiero femminile con particolare riferimento all’epoca contemporanea ed al medioevo. Intensa attività di saggista, collaborazione a riviste e partecipazione a collettanee. Nel corso del tempo lo spazio preso dalla scrittura poetica, pur essendo stato un luogo da sempre praticato, è andato delineandosi come centrale nell’attività creativa di pensiero definendosi come punto d’incontro generativo tra conoscenza filosofica e poesia. Nell’arco produttivo dell’Autrice ha avuto un ruolo centrale la domanda sull’essere della parola e la sua genesi nell’impasto con il silenzio e la spiritualità. Oltre alle sillogi qui raccolte, sempre per Musicaos Editore, ha pubblicato (2020) la raccolta di testi poetici Era un raggio… entrò da Est, e Fenomenologia del silenzio (2022).

su Carta poetica del Sud. Poesia italiana contemporanea e spazio meridiano – Simone Giorgino

15 giugno 2022 – Biblioteca N. Bernardini | Lecce

12 giugno 2022 – Nuovo Quotidiano di Puglia – Adele Errico recensisce “Carta poetica del Sud” di Simone Giorgino

1 giugno 2022 – SPagine | Periodico del Fondo Verri, Anna Rita Merico recensisce “Carta poetica del Sud” di Simone Giorgino

16 aprile 2022 – Corriere della Sera/Il Corriere del Mezzogiorno / Bari – Enzo Mansueto recensisce “Carta poetica del Sud” di Simone Giorgino

15 aprile 2022 – La Repubblica/Bari – Rossano Astremo recensisce “Carta poetica del Sud” di Simone Giorgino

10 aprile 2022 – Corriere della Sera/Corriere del Mezzogiorno (Campania) – Goffredo Fofi recensisce “Carta poetica del Sud” di Simone Giorgino