Hai sentito il battito?


Giovanni Padrenostro Hai sentito il battito? L'illuminazione della toilette è tenue, ombre ritagliano ampi spazi sulle pareti scalcinate, allungando e distorcendo come candele confuse i loro confini, aprendosi come soffice venatura verso invisibili punti; ho l'impressione di aver strappato gli incubi al mio sonno inquieto. Il mio viso, abilmente imitato dalla trasparenza dello specchio, è …

L'ultimo poeta


Giovanni Padrenostro L'ultimo poeta Sono seduto al tavolo con davanti un bicchiere di whisky; fumo una sigaretta e la macchina per scrivere attende impaziente che le imprimi le mie dita in corpo. La mente è pervasa da un'unica frase: "il sole è forte e muoio affogando i miei disperati pensieri nel fluire delle tue iridi". …