Esce L’ANTITEMPO, satira a colori. Monti candidato alla Premiership. “Era ora”


L’ANTITEMPO”, una cosa è certa, ce n’è bisogno. Se ne accorgono i mercati che alla notizia saltano in aria, seppure per poco, se ne accorge perfino Mario Monti che avanza l’ipotesi di candidarsi alla Premiership del paese, basta andare in America un giorno e ti vengono i pensieri. Già dall’editoriale mi viene voglia di consigliarvi la lettura di questa rivista satirica, “è tempo dell’Antitempo”, ho letto su un muro.
Non so se nelle librerie della città dove vivo arriverà, ovvero sia a Lecce; se non arriva peccato, bisogna chiamare qualche amico da fuori, magari aiutandosi con i social network tipo facebook, twitter, antony’s chain; in fondo ne vale la pena.

Tanto per cominciare sempre nell’editoriale facciamo i conti con una delle bestie più nere degli ultimi mesi, l’ottimismo; chi lo ha visto dice che ha assunto una forma terribile, tale da far scappare perfino i più temerari, a breve le strade saranno percorse da tir di vati inneggianti la fine del mondo; epperò, se questa è la fine, mica è peggio dello svolgimento, anzitempo. E io quindi lo leggo, anzi, lo mando giù tutto d’un fiato, come una dolce euchessina, dolce al momento, amara dopo il tempo.
Poi c’è Grègori, con il grammelot sinofirenzico, da fare invidia perfino a Renzi. A proposito, anche lui questa notte è stato gettato da Mario Monti nello scompiglio più leninista, “Che fare?”

E poi c’è la sezione dedicata ai libri della casa editrice “Giulio È in Audi”, delle vere chicche, roba da marketing editoriale al vetriolo, roba da comprare il plexiglass di plastica 21×29,7 e appenderle in casa, magari con il poster Boteriano; non si capisce, queste scoperte È in Audiane, fatte così bene, copertina, quarta, descrizione, estratto, se sono fuoriuscite dalla cartellina di qualche redattore della casa “È in Audi”, oppure sono fatte così ad arte perché questi di Èinaudi Seconda Fila sono bravi almeno quanto la prima fila e soprattutto non ti fanno mancare nulla, arte pura; anzi, la prima cosa che mi colpisce de “L’ANTITEMPO” o dell’Antitempo che dir si possa è proprio l’azzeratempo insito nel mio ricordatoio. Non provavo un’emozione simile da quando uscì Cuore, con la “C”, e non parlo di Edmondo De Amicis; ed è così, con Ehi Now Dì, e col 3d, ti prendo in giro quelli lì, gli scrittorì, radical scì. Un caldo strano, quello che accompagna l’uscita de “L’ANTITEMPO”, che oltre a essere contro il tempo per via dei contenuti sopraffini lo è anche perché affronta il problema di questo tempo senza sesto nel quale viviamo, e nel quale a fine-settembre-praticamente-ottobre possiamo andare ancora in giro in manichine, quindi ci sta bene la rubrica dal mare, il fumetto, le poppe, i coiti underwater, le zinne sotto al sole perfino la lettera del CattoPioBagnante; insomma!

Qua non si sono scorte nemmeno venti pagine che già c’è materia per rivoltar cervelli come guanti; a parte che 6 numeri a 25 euro è proprio poco; ma se arriva a Lecce…poi ti giri è c’è l’inserto enigmistico, da panico; anzi, forse non tutti sanno che…com’è che incominciai la prima guerra, come…è; non si fanno mancare proprio nulla i lettori del deleuziano Anti-tempo, rivista rizomatica che al prezzo di 5€ da molto, molto più di ciò che promette.
Pensate che c’è chi alla stessa cifra vi da i Pensieri di Biagio Pascal o Uno, nessuno, centomila di Louis Pirandello; classici, è vero, ma la verve che si respira ne “L’ANTITEMPO” è qualcosa d’altro; storie d’artista narrate a fumetti, storia a fumetti narrate da artisti, mescolate in doppiapagina per ottenere “Essi infilano” (Klacid), “Paul Niente” (Strolippo&Stan), La Ballata del ‘13-’18 (Grègori), Ora e sempre (Akab).

Il fatto è che questo è linguaggio puro, roba che ti anima, certe cose ti fanno pensare che alcuni autori, prima di mettersi a scrivere romanzi o poesie, dovrebbero leggere L’ANTITEMPO, non fosse altro che per accorgersi che le vere idee sono avanti, stanno altrove, corrono rapide, e se i tuoi pensieri sono chiusi in gabbia, perché sguinzagliarli ad un lettore? Chiudete i cassetti.

C’era bisogno di una sezione dedicata agli annunci cerco offro lavoro, data la grande quantità di lavoro sparso in giro per la penisola? La redazione, con molta probabilità, immaginava l’enorme numero di persone che già durante la preparazione del numero si sarebbero trovate a spasso, ad. es. giunte regionali, aspiranti premier, liste laterali. Coglierà questa timida nuances la Ministra Fornero, il Monti Bis, e il Ter e il Quater? Penseranno al lavoro come volontà e rappresentazione?
E poi eccoti alla fine una cosa che proprio non potevo farmi mancare, da buon autore de “Il romanzo osceno di Fabio”, un po’ di oscenità, in cauda, come venenum.

Per iniziare, in questo mio post precedente potete trovare gli appuntamenti in cui L’ANTITEMPO viene presentato:

https://lucianopagano.wordpress.com/2012/09/27/dal-28-settembre-2012-arriva-in-libreria-il-numero-4-de-lantitempo-rivista-satirica-a-fumetti/

Per continuare: L’ANTITEMPO 4 è tirato in numero mille esemplari non numerati e tutti uguali, ciò significa che manco è nato e già ce n’è penuria, affrettatevi dunque per poter dire un giorno, io c’ero.

Per qualsiasi informazione supplementare, non esitate a scrivere a ufficiostampa@ o per telefono: Andrea Coccia 348 72 92 696 e Vito Manolo Roma 340 2938514.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...