icaro, sei anni di voli, 19 dicembre, Lecce


Icaro Libreria
sei anni di voli
[ natale 2007 ]

Mercoledì 19 dicembre 2007
presso la saletta della Biblioteca Caracciolo di Lecce (Fulgenzio)
dalle ore 19:30.

Sarà presentato il libro
“Che si racconta alle sorgenti del Nilo?”
di Don Stanislas Ngendakumana

Mercoledì, 19 dicembre 2007, dalle ore 19:30, nella saletta della Biblioteca Caracciolo presso la Chiesa di Fulgenzio in via Imperatore Adriano a Lecce. Sarà presentato il libro “Che si racconta alle sorgenti del Nilo?” di Don Stanislas Ngendakumana, raccolta di fiabe e di racconti africani realizzato dall’associazione “Un Bambino per Amico” Onlus con il patrocinio del Comune di Lecce per i tipi dell’editore Icaro.
Alla presentazione interverranno: Enrica Verderamo, presidente dell’associazione “Un Bambino per Amico” Onlus, Paolo Perrone, Sindaco di Lecce, Don Stanislas Ngendakumana, autore del libro, Don Denis Kibangu Malonda, Coordinatore Nazionale Africani francofoni in Italia c/o Fondazione Migrantes, Anna Maria Pensa, docente di Pedagogia presso l’Università degli Studi di Tor Vergata, coordina l’incontro Mauro Marino.
Attraverso forme allegoriche che privilegiano gli animali incarnanti vizi e virtù degli uomini, le favole suggeriscono atteggiamenti e comportamenti improntati alla prudenza, alla laboriosità, alla gratitudine, alla solidarietà. Questo genere letterario di antiche origini affonda le sue radici nel folklore di gran parte delle culture del mondo e trasferisce,dalla tradizione orale alla forma scritta, pillole di saggezza popolare, che ritroviamo identica a qualsiasi latitudine. Su questa linea si è mosso e a lavorato Don Stanislas Ngendakumana, unendo alla sua missione di sacerdote quella di appassionato raccoglitore di narrazioni.

Leggere i racconti africani è come spalancare gli occhi sul mondo.

Un mondo pieno di meraviglie e di magiche scoperte: storie, a volte lievi a volte più grevi, di uomini, donne e bambini, di animali e di paesaggi lontani, raccontati da una voce che, ad ascoltarla bene, somiglia a quella di tutti i papà e le mamme, i nonni e le nonne che continuano a dedicare un po’ del loro tempo ai più piccoli, ma anche ai più grandi. Raccontare è un atto antico che sa di buono, che profuma di saggezza e di tenerezza, che accompagna e aiuta la crescita e risulta essere, a tutti gli effetti, uno strumento educativo di alto valore. Raccontare è tempo per sé, per aiutarsi a capire che la vita, anche quando è tortuosa, va vissuta con coraggio e con forza, con entusiasmo e generosità.

saluto ante litteram, Giovedì 20 Dicembre


Il Gruppo Opìfice saluta il 2007 cucinando per i cagliaritani un minestrone letterario da leccarsi le orecchie. In attesa del salotto post litteram che si terrà a Bologna dal 27 Gennaio al 9 Giugno 2008, ecco a voi il saluto ante litteram, praticamente un NON spettacolo messo in piedi in due giorni da quel genio incompreso che porta il nome di Joaquime De La Insegna.
saluto ante litteram (praticamente prima del salotto post litteram)
minestrone letterario cucinato dal Gruppo Opìfice

Giovedì 20 Dicembre, h. 21.00
Sandy Pub, Via Malta, Cagliari

Ingredienti primo tempo:Andrea Mascia legge Entropia in una tazzina di caffé (brani)
Aventino Loi legge La notte non dormo (racconto)
Carlo Corsale legge Steven Gorelick, Piccolo è bello grande è sovvenzionato (brani)
Joaquime legge la Bibbia (quasi tutta)
Fabio Medda legge Monaco-Praga (racconto)
Simone Olla
legge Come Sergio da Toilet 11 (racconto)
Simone Belfiori
legge Giorgio Gaber, L’America (monologo)

:: PAUSA SIGARETTA ::

ingredienti secondo tempo:

laGabbia delDisonore (cenni)
Fabrizio Bolognesi legge Luce fredda di Luigi Brasili (racconto)
Michele Ferraro legge John Barth, L’opera galleggiante (brani)
Mattia Piano
legge XXX (racconto)

terra/terre. racconti inediti sparsi (presentazione ufficiale)Giovanni Curreli legge Un anno pieno di soddisfazioni del Chierico Vagante (oroscopo)

Fumetti live a cura di Luca Congia

Le musiche saranno – manco a dirlo – di Simone Belfiori che si circonderà dei migliori musicisti presenti nella scena underground monserratina.

(A fine serata Decimo Cirenaica saluterà gli amici prima della partenza per le Americhe, dove finalmente troverà la mamma perduta, per citare un racconto che ha cambiato la storia letteraria degli ultimi vent’anni almeno.)

***
La serata è organizzata in collaborazione con:
Officine Enrico Cocco, manutenzioni e aggiustamenti vari
Ombrelli Mascetti, quando passeggiare sotto la pioggia diventa un titolo nobiliare
Guanciali Fiore, dormire e mangiare sano

“Il pane sotto la neve”. Lebensqualität.


classifica.jpg

Non sono riuscito a trovare un titolo migliore per questo post, anche considerando il fatto che tre giorni fa a Lecce ha nevicato, certo poca neve rispetto a tutta quella che è caduta in questi giorni e che ha bloccato mezza Italia. Perché il pane sotto la neve, come la splendida opera scritta da Antonio Verri? Ieri, in un’inchiesta dai toni allarmati, allarmanti e allarmistici del TG4, una donna al mercato nei paraggi di Milano diceva che il pane costa 6,50€ al chilo. Esattamente un terzo rispetto al costo del capoluogo della nostra provincia, Lecce. Nel frattempo Lecce è 83sima nella classifica stilata dal Sole24Ore, in crescita di sette posizioni rispetto all’anno scorso. Non ho mai creduto alle classifiche, né a quelle di libri che si fanno a fine anno e nemmeno a quelle della qualità della vita. Che volete farci, anche questa è Lebensqualität.